login
Regione Emilia-Romagna - Assemblea Legislativa Regione Emilia-Romagna Alma Mater Studiorum - Universitą di Bologna RAI - Radiotelevisione italiana Ministero della Pubblica Istruzione
Centro Albero Manzi Foto di Alberto Manzi
Home > Archivio > Didattica e pensiero pedagogico > Educare a pensare

"Educare a pensare"

Discutere, imparare a discutere

da Agenda Casa serena 1989
 
"(...) se la scuola è una scuola del "fare, del costruire il proprio sapere attraverso esperienze, lo "studiare" diventa gioia di scoperta e nulla si trasforma in "pesantezza", fastidio, noia. E' importante, dunque, che il bambino faccia, costruisca, smonti... ma è altresì importante "parlare" con il bambino, far parlare il bambino. Per spiegarci quel che sta facendo, il bambino è costretto a chiarire a se stesso e le azioni e il perchè delle azioni, il che significa confrontare esperienze passate, metterle in relazione con le nuove, riesaminare tutto quel che si sapeva o si credeva di sapere su un certo argomento per costruire un nuovo concetto. Questo significa vivere un "problema".
Far parlare il bambino, pretendere che il suo linguaggio sia (e diventi) preciso; che le sue osservazioni si approfondiscano sempre più. Noi stessi dobbiamo imparare a discutere con lui, dimenticando, per lui, tutto il nostro sapere e con lui scoprire le cose, i rapporti tra le cose, le relazioni... Dobbiamo imparare soprattutto ad ascoltare: se non riusciamo a "sentire" quel che dice, se non comprendiamo perché lo dice, non potremo poi aiutarlo ad acquisire nuove esperienze. (...) lmpariamo ad intervenire poco, ma chiaramente; impariamo a saper attendere, affinché sia il bambino a "giungere" alla soluzione del problema, e non noi. Cerchiamo di capire perché "sbaglia".
Scopriamo che è un suo modo di vedere le cose, un suo modo di aver intrecciato "conoscenze ", "esperienze"... Aiutiamolo a costruirsi nuove esperienze che lo aiutino ad annullare l'errore. Stimoliamolo a provare, a prestare attenzione: l'apprendimento si trasformerà in  una... sfida, per risolvere ogni problema per quanto difficile esso sia.
Un addestramento fin dai primi anni di vita, aiuta la crescita dell'intelligenza , aiuta ad imparare a pensare. E abbiamo veramente bisogno di gente che pensi!"


 

Schema riassuntivo sul concetto di "imparare a pensare" elaborato dal maestro Manzi, per il quale ringraziamo la dott.ssa Lucilla Valeri
Negli appunti dattiloscritti redatti per il suo intervento ad una conferenza a Genova nel marzo del '96, Manzi scrive:
"E' utile mandare il bambino alla scuola materna o no? (...) Ebbene il bambino di fronte ad ogni situazione, riflette, analizza, cerca di darsi una risposta. La sua capacità di ragionamento inizia SUBITO. (...) Non si nasce intelligenti. Si DIVENTA intelligenti. (...) Occorre che il bambino sia sollecitato a saper vedere, a saper osservare, a riflettere sulle cose, a ragionare sulle cose... ossia sollecitato a pensare, a fare, a parlare... Allora, quali esperienze? Tutte quelle possibili. (...).
Scarica il documento originale




 

 
Immagine di uno schermo non sintonizzato