login
Regione Emilia-Romagna - Assemblea Legislativa Regione Emilia-Romagna Alma Mater Studiorum - Universitą di Bologna RAI - Radiotelevisione italiana Ministero della Pubblica Istruzione
Centro Albero Manzi Foto di Alberto Manzi
Home > Archivio > Didattica e pensiero pedagogico > Lettura e Fiaba

La Lettura

 
"Saper leggere è comprendere esattamente ciò che si è letto, apprezzare il valore e l'esattezza; riflettere e giudicare.
L'apprendimento passa attraverso stadi successivi di acquisizione:
1) ed. sensomotoria
2) sviluppo del linguaggio (articolazione e pronuncia)
3) acquisizione meccanismi fondamentali
4) lettura orale
5) comprensione della lettura
6) lettura espressiva
7) lettura personale
(...)"


"(...) E il libro è faticoso, spesso noioso; (...). In verità la colpa non è della televisione (anche se la televisione potrebbe fare molto per sollecitare la lettura, e non solo dei bambini), il fatto è che i bambini non sono stati educati al "gusto" della lettura. Iniziano a leggere su i libri scolastici dove spesso si parla di tutto, dei problemi sociali, delle guerre, delle malattie, della fame nel mondo...e ci si dimentica che proprio questi primi libri dovrebbero invece suscitare interesse alla lettura, gusto alla lettura. Spesso ci si dimentica che anche il saper leggere sviluppa la crescita intellettiva ma non si ha gusto a leggere se quel che si legge non ci interessa. ll punto è proprio questo: dopo aver fatto tanti sforzi per imparare a leggere, il bambino scopre un libro insulso, pieno di cose che costano fatica ad essere comprese e che non gli dicono proprio nulla. (...)"


La Favola

 
"La favola: che cos'è? (...) é un modo di preparare il bambino alla realtà della vita; la favola è "scienza", non invenzione fantastica (...)
Oggi è rimasta la favola incisa sul disco o trasformata in cartone animato propinato a iosa dalla televisione: non c'è piu' il "mediatore" , però; e allora la favola diventa una esperienza che non viene rielaborata, pertanto non ha piu' una funzione liberatoria. Rimane l'informazione, l'esperienza, ma non essendo mediata non sappiamo quale condizionamento potrà produrre. Così la favola "il narrare favole" sta scomparendo per colpa della pigrizia dell'adulto." (da Agenda Casa Serena 1988)

Su suggerimento del maestro Manzi proponiamo, in questa sezione, la Favola come mezzo privilegiato per iniziare il bambino alla lettura.


 

Esercizi e suggerimenti per stimolare la comprensione della Lettura


Immagine di uno schermo non sintonizzato