login
Regione Emilia-Romagna - Assemblea Legislativa Regione Emilia-Romagna Alma Mater Studiorum - Universitą di Bologna RAI - Radiotelevisione italiana Ministero della Pubblica Istruzione
Centro Albero Manzi Foto di Alberto Manzi
Home > Archivio > Didattica e pensiero pedagogico > Educazione linguistica

Lavorare in classe

"Far vivere un problema": ecco che nasce il linguaggio

I Quaderni del Castoro: schede di educazione linguistica

Di Alberto Manzi. Edizioni Moderne, Bologna, 1989. 
Classe 1 
 
Leggi: parte 01 - 02 - 03 - 04 - 05 - 06 - 07 - 08 - 09 - 10

Classe 2
Parte: 01 - 02 - 03 - 04 - 05 - 06 - 07 - 08 - 09 - 10 -11 - 12 - 13 - 14 
 
 

Appunti di Linguistica

Riflessioni sulla Conoscenza: suoi processi di produzione, elaborazione e trasmissione attraverso il linguaggio. Educazione scientifica come costruzione della Conoscenza.
leggi pag. 1 - pag. 2 - pag. 3
Educazione linguistica: esempi di esercizi, attività e giochi da utilizzare con gli allievi per l'analisi scompositiva della lingua.
leggi pag. 1 - pag. 2 - pag. 3
 
 

Comprensione delle parole

"Le parole e i modi di dire sono importanti per lo sviluppo cognitivo; aiutano a costruire una relazione sempre piu' precisa tra i modi di guardare, di fare, di dire. Quando noi diciamo: " prendi tutte le strisce..." oppure "prendi quelle lunghe e corte"; "prendi quelle lunghe o quelle corte"; "prendi una striscia..." obblighiamo il bambino a rendersi consapevole del significato delle parole; significato che lui stesso può controllare rendendosi così responsabile delle sue azioni e delle parole che usa. (...) Se inventiamo una storia dove Pinocchio e Geppetto vengono a cena da noi, ha senso inserire domande e richieste di vario tipo ed è anche possibile costruire alternative diverse (Dobbiamo apparecchiare la tavola per Geppetto e Pinocchio...ma se viene anche la fata turchina?... e se due piatti si rompono?...).
Giocare inventando storie
Nelle "storie" che andiamo inventando con il bambino le "complicazioni" sono o possono essere diverse e questo ci permette di spaziare e trasformare e ripetere e approfondire senza annoiare (ripeto: mai durare piu' di dieci minuti con questi giochi, e se il bambino ha quattro anni o meno, il tempo deve ridursi sempre piu'). Un conto è dire: "di che colore è questo?... Metti insieme quelli dello stesso colore", e un conto è dire: preparar tutto quel che serve a Pinocchio e a Geppetto per poter mangiare la minestra. Qui deve affrontare una situazione in cui occorre fare attenzione e alla qualità e alla funzione degli oggetti, e alla numerosità. E se abbiamo un solo piatto per mettere la minestra? Mangerà solo Pinocchio o solo Geppetto? Possono fare metà per uno?... Servirà il coltello per mangiare la minestra? E perchè no? La forchetta. allora? Occorre il bicchiere?... Se il bambino sbaglia, ha, in genere, una spiegazione che corrisponde ad un suo modo di guardare le cose. Quel che occorre fare è offrirgli situazioni diverse che lo aiutino a "vedere", ossia a cambiare i suoi modi di guardare; il che, di conseguenza, porterà ad avere spiegazioni "cambiate"; risposte "cambiate".
da Agenda Casa Serena 1989 - Alberto Manzi scrive questo testo per proporre attività di educazione matematica, ma vediamo come il suo contenuto sia trasversale a tutte le discipline e all'educazione del bambino in generale.

Ecco a seguire i temi sviluppati dagli alunni del maestro Manzi. I titoli sono quanto meno stravaganti, ma l'obiettivo del maestro è sempre quello della formazione del pensiero del bambino.
"Come prendo un bicchiere d'acqua" pag. 1 - pag. 2
"Come si riempie un bicchiere" pag.1 - pag.2 
"Come prendo un bicchiere d'acqua" pag.1 - pag.2
"Come prendo un libro dalla cartella" - leggi il tema di Anna Paola (pag.1 e pag.2), di Marco (pag.1 e pag.2), di Leonardo
Immagine di uno schermo non sintonizzato