login
Regione Emilia-Romagna - Assemblea Legislativa Regione Emilia-Romagna Alma Mater Studiorum - Universitą di Bologna RAI - Radiotelevisione italiana Ministero della Pubblica Istruzione
Centro Albero Manzi Foto di Alberto Manzi
Home > Archivio > Didattica e pensiero pedagogico > Matematica

Lavorare in classe

Appunti di Matematica
 

I Quaderni Fare e Disfare: esercizi e giochi da fare e disfare per capire e riflettere sulle cose, sulle parole, sui numeri.
 
Fare e Disfare n. 1 
Parte 1 - 2 - 3 - 4 - 5 - 6 - 7 - 8 -.9 - 10 
 
Fare e Disfare n. 4 

Suggerimenti di lavoro pagg 1 e 23 e 45, 6 e 7
Fare e Disfare n. 2

12 - 3 - 4 - 5 - 6 - 7 - 8 - 9
 
Fare e Disfare n. 3
1 - 2 - 3 - 4 - 5 - 6 - 7 - 8 - 9 - 10 - 11 - 12
Fare e Disfare n. 5

copertina Fare e disfare 5

1- 2 - 3 - 4 - 5 - 6 - 7 - 8  - 9 - 10
 
Fare e Disfare n. 6

1 - 2 - 3 - 4 - 5 - 6 - 7 - 8 - 9 - 10 - 11 - 12 - 13 - 14 - 15 - 16
 
I Quaderni del Castoro - schede di educazione logico-matematica - classe 1
1 - 2 - 3 - 4 - 5 - 6 - 7 - 8 - 9 - 10 - 11 - 12 - 13 - 14 - 15 - 16 - 17 - 18 - 19 - 20 - 21 - 22 - 23 - 24 - 25 - 26 - 27 - 28 - 29 - 30 - 31 - 32
Leggi le istruzioni per l'uso del quaderno operativo
 
A Casa come a Scuola (1974) - 1° elementare quaderno di aritmetica
1 - 2 - 3 - 4 - 5 - 6 - 7 - 8 - 9 - 10 - 11 - 12 - 13 - 14 - 15 - 16 - 17 - 18 - 19 - 20 - 21 - 22 - 23 - 24 - 25 - 26 - 27 - 28 - 29 - 30 - 31 - 32 - 33 - 34 - 35 - 36 - 37 - 38 - 39 - 40 - 41 - 42 - 43 - 44 - 45

Materiali vari
schede tratte dal libro Stretta la soglia per la classe 2 elementare
schede didattiche "Che cosa può essere"
scheda per calcolo veloce
spiegazione delle centinaia
"Per non farla odiare!..." di Alberto Manzi, da Agenda Casa Serena 1989
"Mio figlio non è portato per la matematica", chi non ha sentito dire almeno una volta una frase del genere? Oppure: "Sa, non può farcela, non ha proprio il bernoccolo della matematica". Già, la "capacità matematica" sembra un qualcosa che deve piovere dall'alto, o frutto di qualche gene particolare che si trasmette all'atto della procreazione. Difficilmente ci si chiede se quel bambino non capisce la matematica perchè gli adulti non sono stati capaci di aiutarlo a "ragionare sulle cose". Difficilmente ci si chiede se non siamo stati proprio noi i responsabili della sua avversione e, di conseguenza, della sua incapacità matematica. Se andiamo a sviscerare il problema ci accorgiamo che il più delle volte chi afferma di odiare la matematica ha avuto un cattivo incontro con essa. Possiamo affermare che molte volte la responsabilità di questa avversione ricade proprio sulla scuola che, preoccupata di far fare presto addizioni e sottrazioni, divisioni e moltiplicazioni, dimentica che occorre innanzi tutto che il bambino giunga al "concetto di numero" dopo aver "lavorato" con delle quantità, dopo aver "ragionato" sulle cose; e non si può ragionare sulle cose se non si impara a "vedere" le cose, a mettere in relazione ciò che si vede con le cose, se non si impara a valutare, confrontare, associare, se non si impara a spezzare le relazioni complesse per poter arrivare al nocciolo della questione... Tutto ciò sembra dimenticato dalla scuola, sembra ignorato dai genitori. Ci si dimentica che l'intelligenza "cresce" se viene usata ma non solo per ripetere meccanicamente delle nozioni, ma sollecitata da esperienze che vanno accumulandosi, che vanno ad intrecciarsi con esperienze passate, che vanno modificandosi in continuazione... Ci si dimentica che il linguaggio è l'altro elemento importante per la formazione dei concetti (perciò della crescita intellettiva); ma se non si fanno cose, su cosa si parla? Come preciso il linguaggio se non ho...da precisare qualcosa? In queste note vogliamo raccontare come si può aiutare il bambino a sviluppare modi di vedere le cose, modi di ragionare sulle cose, modi di... amare la matematica.
 
1° tappa: classificare attraverso il colore - Classificare forme diverse con lo stesso colore
2° tappa: classificare attraverso le forme
3° tappa: classificare attraverso la grandezza
4° tappa: associare coerentemente - Riconoscere le sequenze
5° tappa: conservazione della quantità
6° e 7° tappa: seriazione e  numerosità
"L'obiettivo del numero"
1 - 2

Immagine di uno schermo non sintonizzato