login
Regione Emilia-Romagna - Assemblea Legislativa Regione Emilia-Romagna Alma Mater Studiorum - Universitą di Bologna RAI - Radiotelevisione italiana Ministero della Pubblica Istruzione
Centro Albero Manzi Foto di Alberto Manzi
Home

Maestro, raccontami una storia 


8 settembre - 30 novembre 2011

 
Sarà possibile visitare la mostra-gioco presso la Biblioteca Civica Villa Amoretti, a Corso Orbassano 200.
La mostra, attraverso quattro postazioni gioco, permette di scoprire i libri, oggi dimenticati, del maestro Alberto Manzi. Conosciuto in tutta Italia per la celebre trasmissione televisiva Non è mai troppo tardi, il Maestro scrisse libri meravigliosi come Orzowei, Grogh, Testa Rossa, Tupiriglio, molti dei quali tradotti in tantissime lingue. Ai più piccoli sono dedicati i libri della collana Favole d'oggi. La mostragioco è animata da due mesi di laboratori condotti dalle Biblioteche Civiche Torinesi. (Per prenotazioni: tel. 011 4429855-58-36-47 - email attivitaculturali_biblioteche@comune.torino.it 
Orario delle visite:
lunedì 15.00-19.30;
da martedì a venerdì 8.30-19.30;
sabato 10.30-17.30.
Domenica chiuso.
 

Save the date - venerdì 11 novembre alle 17.30 presso la Biblioteca Civica Villa Amoretti, Paola Collo e Riccardo Bassani parlano di Alberto Manzi scrittore "latinoamericano" per il suo profondo legame con quella parte del mondo in cui ambienta i romanzi E venne il sabato, Gugù, El loco, La luna nelle baracche (di Gorée le edizioni più recenti)

Save the date - giovedì 24 novembre alle 17, Biblioteca Civica Villa Amoretti, Vinicio Ongini (Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca) presenta il numero monografico della rivista Educazione Interculturale (Erickson, maggio 2011) dedicato ad Alberto Manzi

Save the date -
venerdì 25 novembre alle 17, presso la Fondazione Tancredi Barolo - Museo della Scuola e del libro d'infanzia, dov'è uno spazio permanente dedicato al maestro Alberto Manzi, vengono presentati Grogh, Orzowei e Tupiriglio nella recente edizione BUR Ragazzi. Partecipano Roberto Farnè (Università di Bologna), Vinicio Ongini (MIUR), Pompeo Vagliani (Direttore del Museo)

Immagine di uno schermo non sintonizzato